La tecnologia Israeliana previene lo spreco d’acqua in Australia

*/?>

La tecnologia Israeliana previene lo spreco d’acqua in Australia

La tecnologia Israeliana previene lo spreco d’acqua in Australia

L’azienda TaKaDu fornisce un sistema che permette alle aziende che lavorano con l’acqua e i servizi sanitari di monitorare tutti i percorsi idrici, rilevando perdite e difetti istantaneamente. Questa tecnologia sviluppata in Israele, è stata utilizzata in Australia dalla più grande azienda idrica di Melbourne chiamata Yarra Valley Water. E’ stato richiesto l’intervento di TaKaDu anche a Sydney, Queensland e in altre città australiane.

Il recente successo ottenuto a Melbourne ha reso l’azienda particolarmente richiesta in Australia. Secondo il Resoconto Finanziario Australiano, negli ultimi 3 anni in Australia, TaKaDu ha risparmiato più di 2,000 Ml di acqua, corrispondenti a circa 5000$ quotidiani.

australia israel

L’azienda ha aiutato l’Australia tramite un modello matematico unico composto da algoritmi e statistica che permette di fornire dati precisi sulla condizione della rete idrica.

TaKaDu opera anche in Brasile e in Spagna, per un totale di 40,000 miglia di reti idriche. L’azienda israeliana è stata fondata da Peleg nel 2009.

Come ha riportato Bloomberg, Peleg è uno degli esperti in questo campo più autorevoli del mondo. Ha iniziato a interessarsi di acqua viste le necessità di Israele, un paese dalla terra arida. Migliorando il sistema idrico e individuando le possibili perdite, si riesce ad evitare che l’acqua venga sprecata. In Israele per esempio, l’85% dell’acqua del paese proviene dal riciclo e dalla desalinizzazione. In più, grazie a questo sistema ideato da TaKaDu, gli israeliani salvaguardano anche gli eventuali sprechi.

Di solito, come riporta Bloomberg, i sistemi idrici nel mondo perdono almeno il 30% di acqua in perdite e malfunzionamenti delle infrastrutture. La città di Gerusalemme, prima cliente di TaKaDu, spreca meno del 10% d’acqua.

Condividi questo articolo: